Blog articoli

INVESTIRE IN AZIONI

investire in azioni

Investire in azioni è ancora un buon investimento?

Conosci il significato dell’investimento azionario?

Detenere azioni è il miglior modo per investire in questi strumenti?

 

 

INVESTIRE IN AZIONI – COSA RAPPRESENTA

Investire in azioni è il primo step che viene alla mente quanto si pensa all’investimento finanziario.

Ma tu sai cosa rappresenta un investimento di questo tipo?

Spesso gli operatori danno per scontato che gli investitori conoscano il significato di molte cose, a volte in apparenza semplici.

La pratica sul campo  mi ha insegnato che nella realtà non è così.

Mi è capitato di vedere investitori che pur utilizzando strumenti e strategie non possedevano le nozioni che stavano alla base di quegli investimenti.

Ecco allora la necessità di fare chiarezza, dal basso su aspetti che possono sembrare semplici, in qualche caso ovvi, ma che poi così semplici ed ovvi spesso non sono.

 

INVESTIRE IN AZIONI- SIGNIFICATO

Ma cosa significa veramente investire in azioni?

Partiamo dalla base, dalla definizione: cos’è un’azione?

L’azione rappresenta la più piccola parte di partecipazione al capitale sociale di un’impresa

L’azione ha quindi un valore nominale, ossia la quantità di capitale che rappresenta e un valore effettivo, che dipende invece dall’andamento e dagli utili che la società produce.

Tutte le azioni in linea di principio conferiscono ai loro possessori uguali diritti, visto che ognuna rappresenta la medesima partecipazione di capitale (valore nominale).

Conferiscono al possessore il diritto di essere “socio”.

Nella realtà non tutte le azioni sono identiche.

 

INVESTIRE IN AZIONI –  SONO TUTTE UGUALI?

La risposta alla domanda del titolo del paragrafo è chiaramente no.

In Italia esistono delle regole che permettono alle società di emettere azioni con diritti differenti:

  1. Azioni Ordinarie
    Sono  titoli nominativi che conferiscono ai possessori i  diritti più ampi.
    Oltre al diritto di percepire i dividendi (gli utili aziendali),  conferiscono ai possessori il diritto di voto nelle assemblee societarie
  2. Azioni Privilegiate
    Questa tipologia di titoli a fronte di alcune limitazioni, conferiscono dei “privilegi” rispetto a quelle ordinarie.
    Lo statuto della società può prevedere l’emissione di questa tipologia di azioni che a fronte di un diritto di voto limitato rispetto alle azioni ordinarie, conferiscono ai possessori il beneficio di una maggiore percentuale di partecipazione agli utili della società.
    I possessori delle azioni privilegiate possono intervenire solo alle assemblee straordinarie, ma oltre ad una partecipazione agli utili più elevata, in caso di scioglimento della società godono di una garanzia di rimborso del capitale prioritario rispetto agli altri
  3. Azioni di risparmio
    Queste azioni sono prive del diritto di voto, non consentono neppure la partecipazione alle assemblee straordinarie e vengono emesse al portatore.
    Consentono ai possessori di godere di diritti patrimoniali superiori rispetto alle azioni ordinarie ed in quseto aspetto sono molto simili alle privilegiate.

 

COME INVESTIRE IN AZIONI

Le azioni arrivano agli investitori sostanzialmente per due canali di collocamento:

  1. OPS – Offerta Pubblica di Sottoscrizione
  2. OPV – Offerta Pubblica di Vendita

La società che decide di quotarsi lo di solito decide di farlo per raccogliere nuovo capitale destinati a finanziare la crescita della società stessa.

Di solito la società utilizza il capitale raccolto per acquisire altre aziende (magari concorrenti), nuove tecnologie, nuovi macchinari, nuovi investimenti in genere.

Più in generale possiamo dire che i capitali raccolti servono per finanziare momenti di discontinuità importanti nell’attività aziendale.

La società ricorre alla borsa per raccogliere il capitale in alternativa ai canali classici (banche/soci). Quindi non è costretta poi a fornire interessi periodici o rimborsi di capitale, come avviene invece nel caso dei prestiti (soci/banche) e delle obbligazioni (obbligazionisti).

L’OPS viene utilizzata quando in seguito alla quotazione vengono emesse nuove azioni offerte al pubblico in sottoscrizione.

L’OPV viene utilizzata quando in seguito alla quotazione qualche socio di maggioranza vende tutta o parte della sua partecipazione societaria.

I risparmiatori per investire in azioni possono dunque partecipare alle operazioni straordinarie di cui sopra, oppure acquistare le azioni già quotate e scambiate in Borsa.

 

INVESTIRE IN AZIONI E FINANZA COMPORTAMENTALE

La finanza comportamentale ci insegna che uno degli errori classici che gli investitori commettono quando decidono di investire in azioni è legato a quello che viene definito home bias.

L’home bias è la tendenza (l’errore) che gli investitori hanno di investire in azioni di aziende
che conoscono e reputano loro “vicine”.

Vicine geograficamente (imprese nazionali
o addirittura locali), vicine dal punto di vista emotivo
(il senso di appartenenza). Vicine cioè per i valori che rappresentano,  per lo stile o per il significato che rappresentano nella società con i prodotti e il brand.

Spesso si verifica anche che l’home bias porti ad investire in azioni di società in cui si opera o per le quali si è lavorato in passato.

L’home bias porta alla concentrazione del portafoglio titoli degli investitori e quindi ad un’assunzione di rischio di solito eccessiva rispetto al vero profilo dell’investitore.

Tipico esempio è l’alta concentrazioni di titoli del Banco Popolare e di Cattolica Assicurazioni che trovo spesso nei portafogli dei miei clienti veronesi.

Sono tanti gli errori che la finanza comportamentale evidenzia quando si decide di investire in azioni, non è questa la sede per vederli tutti.

L’home bias è uno dei più comuni tra i gli investitori italiani.

 

INVESTIRE IN AZIONI E COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO

Quando si decide di investire in azioni ci sono alcuni aspetti che non puoi ignorare uno di questi è il coefficiente di correlazione.

Il coefficiente di correlazione è un numero compreso nell’intervallo -1 e 1 che indica quanto due strumenti finanziari, in questo caso due azioni, tendano a muoversi nella stessa direzione.

Questo valore diventa estremamente importante perché se due titoli hanno un coefficiente di correlazione elevato, vicino ad 1, significa che guadagneranno e perderanno valore insieme.

Cosa significa?

Significa che investire in azioni correlate non diversifica il portafoglio!

Mi spiego con un esempio.

Investire in azioni di Intesasanpaolo e di Unicredit non significa stabilizzare il portafoglio, il loro indice di correlazione è mediamente 0,87!

Volendo investire su azioni di banche italiane, sembrerebbe sensato  diversificare il capitale investendolo su i due istituti più grandi italiani…

Avremo diversificato dal punto di vista dell’emittente, ma i due titoli al variare del mercato crescono e scendono insieme.

 

Quando invece si investe in azioni con correlazione negativa, il portafoglio ne beneficia in termini di stabilità perché la perdita di valore di un titolo viene controbilanciata dalla crescita dell’altro.

Sembrerebbe quindi semplice costruire un portafoglio stabile, basterebbe investire in azioni correlate negativamente e il gioco è fatto…

Peccato che in realtà la cosa non funziona per diversi aspetti.

Il primo è che azioni con correlazioni inverse importanti sono difficili da trovare e soprattutto le forti crisi che abbiamo affrontato in questi ultimi anni a partire dal fallimento dei Lehman Brothers ci hanno insegnato che in situazioni di forti stress di mercato le correlazioni inverse tendono a diminuire e la volatilità ad aumentare…

Parlo potabile…

Durante le crisi sistemiche i titoli tendono a muoversi tutti insieme nella stessa direzione con oscillazioni (sia al ribasso che al rialzo) molto elevate.

Per cui il risultato è investire in azioni direttamente con pochi titoli oggi è molto più rischioso rispetto a dieci o venti anni fa!

Concretamente oggi per ottenere portafogli con volatilità inferiori al 10% oggi è necessario investire in azioni utilizzando almeno una trentina di titoli.

Negl’anni 60 e 70 erano sufficienti 5 titoli!

 

Questo è uno degli effetti della globalizzazione, il beneficio dell’internalizzazione delle società ha comportato un aumento della correlazione dei mercati.

 

INVESTIRE IN AZIONI OGGI

Ha quindi ancora senso investire in azioni oggi?

Per rispondere in maniera corretta a questa domanda dobbiamo ricorre ancora una volta alla statistica e ai numeri.

Come ho scritto più volte i numeri non mentono, descrivono freddamente una situazione.

Ci sono moltissimi studi autorevoli che confermano che investire in azioni è storicamente più redditizio che investire in obbligazioni e titoli di stato.

Allo stesso tempo dimostrano che investire in azioni è più conveniente che scegliere gli investimenti alternativi.

 

Le autorevoli e corpose analisi del Prof. Jeremy Siegel, professore di finanza all’ University of Pennsylvania, basate su due secoli di storia eliminano ogni dubbio sulla convenienza di seguire il mercato azionario cercando di comprare e vendere i titoli cercando di anticipare l’andamento.

Nel libro “Rendimenti finanziari e strategie d’investimento” (Il Mulino 2003) Siegel dimostra che quando si prende in considerazione l’inflazione, investire in azioni sia la migliore strategia rispetto a tutte le altre forme convenzionali e alternative d’investimento compresi i beni rifugio.

A patto però che si rispettino due regole fondamentali:

  • Rispetto dell’orizzonte temporale corretto
  • Reinvestimento dei dividendi

In figura l’andamento storico del rendimento delle azioni USA dal 1871 al 2015.

 

 

Le azioni americane hanno reso un 10% lordo annuo.

Decurtando questo 10% di rendimento storico da tasse e commissioni (15% di aliquota media fiscale USA e 1% di Total Expense Ratio); il rendimento annuo composto nominale (CAGR) arriva al 9,07%.

Se poi togliamo l’inflazione media di questi 144 anni di storia si ottiene il 6,86%, un valore decisamente più alto del rendimento offerto dai titoli di stato (3,5%).

Certo le obiezioni che possono essere mosse possono essere diverse, ma i numeri sono questi.

 

Negli ultimi 60 anni, su base mensile, il rendimento dell’investimento in azioni è risultato più basso rispetto a quello delle obbligazioni a zero rischio ben il 42%.

Allargando la base di osservazione all’anno, il rendimento delle azioni è risultato più basso di quello offerto dalle obbligazioni “risk free” il 32% dei casi.

Quando però la base di osservazione è di 5 anni, l’orizzonte temporale medio degli investitori, il rendimento delle azioni è risultato inferiore a quello offerto dalle obbligazioni solo nel 17% dei casi.

 

INVESTIRE IN AZIONI – RIFLESSIONI

Alla luce di quello di quello che abbiamo visto insieme oggi possiamo quindi affermare che:

1.     Investire in azioni è sempre molto conveniente

2.     Il rendimento che si ottiene è sempre elevato

3.     Il rendimento è superiore a quello che si ottiene facendo altri investimenti

4.     Bisogna però avere un orizzonte d’investimento lungo

5.     Investire in azioni comprando titoli delle aziende che conosciamo non è una scelta ottimale

6.     Diversificare investendo in poche azioni non è una scelta efficiente

7.     E’ necessario utilizzare tanti titoli diversi tenendo conto dell’indice di correlazione

8.     Serve grande conoscenza e capacità di analisi per selezionare i titoli

9.     Il rendimento che ci si deve aspettare è elevato a fronte di un’elevata volatitlità

10.   E’ necessario reinvestire i dividendi

Per esperienza e per i dati oggettivi posso quindi affermare che investire in azioni è certamente conveniente, ma farlo da soli e direttamente comprando i soliti titoli del listino italiano non è la scelta giusta.

L’Italia rappresenta circa il 0,57% dell’MSCI World, l’indice azionario mondiale, quindi investire in azioni italiane non rappresenta la strategia ottimale per ottenere un portafoglio efficiente e diversificato.

Forse è una strategia che ha funzionato in passato, ma ora è imperativo utilizzare strumenti diversi.

 

Conoscenza e diversificazione impongono oggi un approccio diverso, professionale e altamente specializzato.

Questo approccio deve necessariamente utilizzare strumenti quali Fondi comuni d’Investimento, Sicav o ETF rappresentativi di indici.

Strumenti che richiedono a loro volta conoscenza e professionalità per essere selezionati.

 

Questa affermazione di carattere generale assume ancora maggior peso quando si riflette su patrimoni rilevanti come quelli dell’investitore Private… come te.

La diversificazione e la gestione professionale specializzata sono due caratteristiche che l’investimento Private deve necessariamente avere.

 

Puoi partire scaricando la mia guida gratuita cliccando sul link qui sotto:

 

CLICCA QUI PER SCARICARE LA MIA GUIDA GRATUITA IN PDF

 

Se invece sei stufo delle insoddisfazioni collezionate finora e ritieni di aver bisogno di essere affiancato da un professionista serio ed efficiente, clicca sul link sottostante ed entra in contatto direttamente con me:

 

CLICCA QUI PER ENTRARE DIRETTAMENTE IN CONTATTO CON ME

 

Non esitare, i mercati non si fermano mai.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *