Blog articoli

Educazione Finanziaria questa sconosciuta. Intervista a Radio Verona “Un caffè con” del 27 novembre 2017

Educazione Finanziaria questa sconosciuta

L’Italia risulta essere agli ultimi posti nel mondo per quello che riguarda l’educazione finanziaria.

Nazioni culturalmente ed economicamente meno avanzate della nostra si trovano più in alto nella classifica OCSE relativa alla diffusione di questa forma di cultura che, per almeno le nozioni di base, dovrebbe essere parte del bagaglio culturale di base di ognuno di noi.

La mancanza di queste nozioni di base pone gli investitori in una posizione di netto svantaggio nel momento in cui sono chiamati ad effettuare scelte d’investimento anche semplici, perché si trovano a non possedere gli strumenti che consentono di valutare quando una soluzione d’investimento è adatta ai propri desideri e aspettative.

Fino a qualche tempo fa titoli di stato, i famigerati BOT e l’investimento immobiliare, il grande amore degli italiani, hanno permesso a tutti di investire in maniera relativamente sicura anche senza preparazione, senza educazione finanziaria.

Ora il mondo è nettamente cambiato e con esso anche questi strumenti, oggi non c’è spazio per l’improvvisazione.

Nello scenario attuale senza un minimo di educazione finanziaria l’errore è dietro l’angolo, e spesso presenta un conto da pagare piuttosto salato.

Ma per fortuna qualcosa si sta muovendo anche in Italia, attraverso iniziative importanti portate avanti da figure autorevoli a livello mondiale come Annamaria Lusardi, docente italiana alla George Washington University.

Iniziative che possono essere utili a tutti per raggiungere un buon livello di consapevolezza, necessario per prendere le giuste decisioni d’investimento.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *